Il Ritorno del Dio Oscuro

Duri a morire

Il sole del mattino brucia i capelli di Tolsimir mentre cerca di riposare e prepararsi alla preghiera. Intorno, il clangore dei compagni, il Gatto, Amthara e Ascot, che cercano di organizzare le grondaie in una tubatura per portare acqua sino all’edificio pieno di sabbia purpurea e le preghiere mormorate da Shairin.
D’improvviso, uno sconosciuto appare sulla cima della costruzione: ha il volto fresco, non sembra aver viaggiato se non magicamente, e il chiaro abbigliamento di un cittadino proveniente da un clima freddo. Più volte ripete il suo nome, ma forse a causa del sole nessuno riesce a comprenderlo chiaramente. Due cose, però, sono cristalline: è stato mandato da Vangerdahast per aiutare (o controllare?) il Gatto e gli altri, ed è un abile costruttore.
Scende la notte, gli eroi dopo numerose discussioni fanno campo fuori da Kushk, accanto alle mura, e chiacchierano intorno al falò. Fiamme rivelatrici, che li rendono facili prede. Cinque giganteschi avvoltoi, montati da un’avanguardia nemica, piombano su di loro e mettono a ferro e fuoco l’accampamento. Sangue, strazio e dolore. Sopravvivere è un’arte fatta di abilità e fortuna.
Stremati, i nostri ripiegano in città, scavandosi la tana in una casa ormai disabitata.
Giantvulturezu3

Comments

gwineth

I'm sorry, but we no longer support this web browser. Please upgrade your browser or install Chrome or Firefox to enjoy the full functionality of this site.